Sorvegliati spaziali INAF

Appuntamento con l’asteroide – Agosto 2022

Il mese di agosto è ancora favorevole per l’osservazione turistica degli asteroidi Near-Earth sia per le temperature notturne favorevoli, sia perché le notti iniziano ad allungarsi.

Il primo asteroide del periodo è (329437) 2002 OA22, un asteroide potenzialmente pericoloso di circa 400-700 metri di diametro che si muove su un’orbita di tipo Aten.
La minima distanza dalla Terra verrà raggiunta l’11 agosto alle 17 UT quando si troverà a 25,2 milioni di km da noi. L’asteroide sarà osservabile per tutta la notte e brillerà di magnitudine apparente +17,1: purtroppo sarà a soli 35° dalla Luna  in fase quasi piena che disturberà con la sua luce.
Conviene quindi sfruttare il fatto che l’asteroide si muove quasi parallelamente alla Terra e osservarlo il giorno 5 agosto: la magnitudine sarà leggermente più elevata +17,2 e la Luna sarà solo al primo quarto a circa 90° di distanza dall’asteroide. Queste condizioni sono molto più favorevoli del giorno 11.

Il secondo asteroide per il mese è 2019 AV13, un asteroide di tipo Apollo con diametro di circa 135 metri.
Questo oggetto il 22 agosto alle 00:25 UT passerà a circa 7,3 milioni di km da noi e sarà osservabile tutta la notte brillando di magnitudine apparente +16,5.
Considerata la piccola distanza dalla Terra, la velocità angolare in cielo sarà di circa 21 arcsec/minuto, quindi con pose di soli 5 minuti lascerà una traccia lunga quasi 2 primi d’arco.
Di questo asteroide non si conosce nulla, nemmeno il periodo di rotazione e visto che il flyby successivo con la Terra ci sarà nel 2085 è bene approfittare di questo flyby per fare osservazioni accurate e ottenere informazioni sull’asteroide.

La “perla” di agosto sarà (2100) Ra-Shalom che il 31 agosto alle 17:30 UT passerà a circa 28 milioni di km dalla Terra.
Si tratta di un asteroide di tipo Aten scoperto nel lontano 1978 da Monte Palomar. Ha un diametro di 2,3 km e un periodo di rotazione di quasi 20 ore.
Da come riflette la luce solare sappiamo che si tratta di un asteroide carbonaceo, quindi un tipo molto primitivo che è rimasto quasi immutato a partire dalla formazione del Sistema Solare, avvenuta circa 4,5 miliardi di anni fa.
Ra-Shalom si muove su un’orbita eccentrica che lo porta a muoversi fra 0.47 e 1,2 unità astronomiche. L’asteroide sarà comodamente osservabile tutta la notte come un oggetto di magnitudine apparente +14. La velocità angolare sarà di 5 arcsec/minuto, quindi ci sarà tutto il tempo di riprenderlo con telescopio e camera CCD/CMOS. Anche la Luna non disturberà perché quel giorno apparirà come una falce, con appena il 22% del disco illuminato,  e sarà a ben 135° di distanza.

 



Questa rubrica è dedicata ai lettori curiosi – o ai gruppi di astrofili – che vogliano cimentarsi in prima persona nel riprendere gli asteroidi Near-Earth più luminosi che saranno alla minima distanza dalla Terra nell’arco del mese.

Si tratta sempre di asteroidi invisibili a occhio nudo: per poterli riprendere è necessario usare almeno un piccolo telescopio a puntamento computerizzato da 15-20 cm di diametro abbinato a una camera CCD/CMOS e a un cielo buio.
Le coordinate celesti per il puntamento dello strumento sono reperibili sul sito web del Minor Planet Center. Per ottenere le effemeridi è necessario inserire il numero o la sigla alfanumerica che caratterizza l’asteroide, la data, e infine latitudine, longitudine e quota del sito di osservazione.

Tutti i bollettini Appuntamento con l’asteroide sono consultabili qui.